Acquisto strumenti per i medici di famiglia: a ognuno circa 10 mila euro

Se però gli studi sono aggregati gli Mmg avranno una dotazione finanziaria di 12 mila euro

Come saranno divisi tra i medici di famiglia i 235,8 mln destinati agli acquisti di ECG, holter, spirometro, dermoscan, servizi di tele-care e tele-Health e telemonitoraggio, teledermatologia, retinografia, polisonnografia? La disciplina sarà dettata da  un decreto del Ministero della Salute da attuare entro il 31 gennaio 2020 previa intesa in Stato-Regioni. L’obiettivo, secondo la misura è che “i medici di medicina generale, assumono una valenza centrale ed erogano una definita gamma di servizi ai cittadini (prestazioni di primo livello: servizi di tele-care e tele-Health e telemonitoraggio, ecg, holter, holter pressorio, teledermatologia, retinografia, polisonnografia, ecc.) in grado di concorrere alla sostenibilità del Servizio Sanitario Pubblico, realizzando una più forte presa in carico degli utenti, migliorando la gestione delle cronicità, decongestionando le liste di attesa, favorendo un minore ricorso al Pronto Soccorso e garantendo in buona sostanza più elevati livelli di appropriatezza delle cure”.

Secondo le stime della relazione tecnica allegata alla Legge di Bilancio ogni medico di medicina generale investirà circa 4mila euro per dotarsi di questi strumenti  “L'importo – riportano i documenti tecnici - è stato stimato considerando distribuiti sul territorio nazionale circa 46.243 medici di medicina generale (valore fornito da annuario statistico ENPAM anno 2017) e tenendo in considerazione che sull'intero territorio i medici sono distribuiti in modo disomogeneo”.

 

In questo quadro la relazione tecnica al ddl Bilancio ipotizza quanto segue:
1. circa 13.873 medici di medicina generale, corrispondenti al 30% operano in ambiti isolati. Si ipotizza un investimento unitario pari a €. 10.000,00, finalizzato all'acquisto di dispositivi diagnostici digitali di primo livello (ECG, holter, spirometro, dermoscan, etc), per un costo totale pari a €. 138.730.000,00 
2. circa 8.092 ambiti aggregati di medici di medicina generale, in cui i rimanenti 32.370 medici, corrispondenti al 70% del totale, operano in aggregazioni mediamente composte da 4 unità. Si ipotizza un investimento unitario pari a €. 12.000,00, finalizzato all'acquisto di dispositivi diagnostici digitali di primo livello (ECG, holter, spirometro, dermoscan, etc), per un costo totale pari a €. 97.104.000,00.

In sostanza i medici che sono soli nel loro studio vedranno assegnarsi 10 mila euro, mentre gli studi aggregati di medici di famiglia avranno una dotazione finanziaria di 12 mila euro.

In arrivo holter pressori, spirometri, dermatoscopi e glucometri. I pazienti potranno inviare i dati al medico per un monitoraggio costante

 Andare nello studio del medico di famiglia e poter fare subito un elettrocardiogramma oppure una spirometria. E nei casi di necessità, poter eseguire tali esami direttamente a casa sempre grazie al medico di base. Presto potrà essere possibile e ciò, oltre a fornire un'assistenza più mirata al paziente, permetterà anche di ridurre le liste di attesa poichè il medico di base potrà avere a disposizioni gli strumenti ad hoc per eseguire esami diagnostici di primo livello. La novità arriva dall'ultima bozza della manovra, che destina 235 milioni al fabbisogno di apparecchiature sanitarie.    L'obiettivo è, appunto, "migliorare il processo di presa in cura dei pazienti nonché di ridurre il fenomeno delle liste d'attesa".

Già entro la fine dell'anno il ministero della Salute, d'intesa con le Regioni, fisserà i parametri per stilare un piano sui fabbisogni e attivare poi i trasferimenti alle Regioni. Una svolta, come chiarisce il ministro della Salute Roberto Speranza: "Si tratta - spiega su La Stampa - di strumenti dal costo contenuto entro i 1.500-2.000 euro, ma che consentirebbero di approfondire direttamente in studio alcune situazioni senza avviare direttamente il paziente verso la prenotazione per mezzo del Cup di uno specialista o di un accertamento magari più complesso e costoso" e sarebbe un modo per "contribuire ad aggredire le liste d'attesa". Inoltre, ha annunciato il sottosegretario Sandra Zampa, "il ministero della Salute ha avviato una ricognizione dei mammografi in Italia e intende chiedere alla Conferenza Stato-Regioni che i 2 mld destinati ad edilizia sanitaria e tecnologie siano destinati prioritariamente al miglioramento di queste apparecchiature".

×

pubblicità

  
 
 

Molto soddisfatti i medici di base: "E' un segnale importante - afferma il segretario della Federazione dei medici di medicina generale Fimmg, Silvestro Scotti - perchè è la prima volta che in una legge di bilancio si fa un investimento ad hoc per la Medicina generale, riconoscendone il ruolo centrale sul territorio". Ma cosa cambierà nella pratica? "Arriveranno nei nostri studi strumenti diagnostici come ad esempio lo spirometro per misurare la capacità respiratoria. Con questo semplice esame - spiega - potremo ad esempio fare una diagnosi tempestiva di una patologia respiratoria come la Bpco, diffusa tra fumatori e anziani e spesso non diagnosticata, con un risparmio in termini di terapie e ospedalizzazioni". Non solo: "Potremo anche avere dermatoscopi, per la diagnosi precoce dei tumori della pelle, ed elettrocardiografi per effettuare elettrocardiogrammi". Ma la novità è pure un'altra: "Queste nuove apparecchiature saranno collegate ai nostri smartphone e questo ci permetterà - afferma Scotti - di mettere i dati in rete e di condividerli ad esempio, in caso di necessità, con lo specialista di riferimento".

Inoltre, saranno strumenti 'mini': "Si arricchisce così la borsa del medico, che all'interno non avrà più solo lo stetoscopio ma anche strumenti diagnostici specifici, e questo ci permetterà di effettuare tali primi esami anche direttamente a casa del paziente, in caso di soggetti allettati o anziani. Potremmo anche disporre di nuovi holter pressori e glucometri da consegnare ai pazienti ed i cui dati potranno essere inviati direttamente al database del medico per un monitoraggio costante del paziente". Il passo successivo, conclude, "è definire accordi con gli ospedali e sul territorio, per rendere effettivi i consulti in telemedicina con gli specialisti".

Eventi formativi

Eventi formativi - SIMG Trapani

    

 

 

 

 

 

 

 

 

1.Il Management del Paziente fragile con lesioni cutanee nel setting della Medicina Generale 

Data dell''evento accreditato ECM 13 Ottobre 2018

Sede : Palazzo Riccio di San Gioacchino  Trapani

 

2. I nutraceutici in Medicina Generale 

Data dell'evento accreditato ECM 26 Ottobre 2018

sede : Studio Medico dott. Vito Milazzo via Dante Alighieri, 79  Alcamo

 

3. Progetto formativo MEDIGASTRO : LA MALATTIA DIVERTICOLARE E DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO

    Data dell'evento : 24 novembre 2018

    Sede :Centro Mucaria in Corso Generale dei Medici      91011 Alcamo

 

4. Dipendenza da Alcool : dalla individuazione precoce del rischio all'approccio psico-terapeutico territoriale

    Data dell'evento : 01 Dicembre 2018

    Sede : Aula conferenza della cassa Don Rizzo ad Alcamo

 

5.LA VALUTAZIONE DEL DANNO D’ORGANO NEL PAZIENTE IPERTESO: PREVENZIONE POSSIBILE O UTOPIA? 

    Data dell'evento : 12 GENNAIO 2019 

   SEDE: ORDINE DEI MEDICI TRAPANI

 

6 LA CARDIOPATIA ISCHEMICA : DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI 

  Data dell'evento 26 gennaio 2019 

  SEDE: Hotel Centrale Alcamo

7. Il management del dolore Neuropatico in Medicina Generale 

   Data dell'Evento :  02 Febbraio 2019

   SEDE Mazara del Vallo  (sede da definire ) 

 

 8. MANAGEMENT DELLA TERAPIA TIROIDEA E DISMETABOLICA

     Data dellevento :  09 febbraio 2019 

     SEDE : Centro Dialisi MucariaTrapani 

                                  

 9. Il ruolo dell'aderenza nel paziente cronico politrattato ad alto rischio cardiovascolare. Confronto con lo specialista

  Sede di Alcamo (TP)  Cittadella dei Giovani

DATA : SABATO 01 GIUGNO 2019 ORE 08.30

 

10. Primo corso pratico per Infiltrazioni articolari in Medicina Generale

     sede : Studio Medico del Dott. Vito Milazzo via Dante, 79 Alcamo ( sede della Simg Provinciale )

      Venerdi 28 giugno ore 16.00 - 20.30

  ( Il corso ha come target 15 Medici di Medicina Generale )

   -----------------------------------------------------------------------------------------------------------

( Svoltosi ieri pomeriggio il primo corso " Infiltrazioni Articolari in Medicina Generale ".

Grande interesse ed attenzione alla acquisizione delle tecniche operative su manichino mostrate dai partecipanti sotto la supervisione del collega Alessio Giannuzzo , Ortopedico esperto ,  operante nella unità operativa dell'Ospedale di Catelvetrano (TP)).

Seguiranno altri incontri , dopo la pausa estiva , per approfondire e verificare la metodica imparata e per coinvolgere altri 15 colleghi che manifestano interesse a tale approccio clinico-strumentale che, se bene eseguito e con adeguata competenza , pensiamo possa essere inserito nella comune practice della Medicina Generale.

 

 

11. Progetto " Respiriamo " La gestione pratica globale del malato con BPCO/ASMA in Medicina Generale

Dalla Diagnostica clinico/strumentale alla Terapia appropriata secondo le Linee Guida Gold 2019/Gina

      Sede : Centro Dialisi Mucaria Alcamo di Corso Generale dei Medici 

       Venerdi e Sabato ( 8-9 Novembre 2019 ) e

       Venerdi e Sabato ( 6-7 Dicembre 2019)

       (Il corso ha come target 30 Medici di Medicina Generale e

       di Continuità Assistenziale)

 
RAZIONALE


Le malattie respiratorie croniche sono in progressivo aumento e le previsioni nel prossimo decennio
le indicano come la terza causa di mortalità. Ciò incide sulla salute del cittadino e sulle finanze
pubbliche.
In Sicilia è elevata la spesa sanitaria in relazione ad una popolazione numerosa e ad un’inefficiente
gestione delle risorse sanitarie. É ormai accertato scientificamente che la lotta all’Asma e alla
BPCO si basa su tre concetti sostanziali:


1) la diagnosi precoce e l’appropriato trattamento farmacologico di fondo iniziato sin dai primi
stadi della malattia


2) Una adeguata conoscenza e competenza del MMG per consentirgli di attuare una best practice
in tutte le fasi della malattia.


3) una valida informazione ed educazione dei pazienti sulla gestione della malattia ( corretta
assunzione dei farmaci, conoscenza dei fattori di riacutizzazione e progressione della patologia).


Pertanto, ancora di più oggi tutte le figure sanitarie operanti sul territorio che hanno la possibilità di
intercettare i pazienti pauci sintomatici ai primi stadi di malattia sono chiamate ad individuare
questi soggetti e quindi, con l’ausilio di indagini strumentali, in primis la spirometria, prima
indirizzarli ad una diagnosi precoce e poi seguirli col counseling sanitario per una efficace
aderenza al trattamento tra posologia e device.
Questo incontro scientifico si propone quindi di perseguire i seguenti obiettivi formativi:
Acquisire la consapevolezza che è semplice, vantaggioso e scientificamente possibile
intercettare i pazienti con Asma e BPCO allo stadio iniziale di malattia da parte del Medico di
Medicina Generale.
▬ Fornire ai partecipanti gli elementi basilari per la esecuzione e interpretazione corretta di una
spirometria ai fini dell’appropriatezza diagnostica e terapeutica delle patologie ostruttive

 

 Risultati immagini per spirometria

 

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

                                                                                                                         

     

                         

 

 

 

    

valderice 2 valderice 2 [61 Kb]

Consiglio Direttivo della simg di Trapani

  Il consiglio direttivo nella Provincia di Trapani in atto in carica

 Vito Milazzo Presidente

Orazio Mistretta Vice Presidente

Francesco Campo Segretario Amministrativo

Giuseppa Mazzeo Segretario Organizzativo

 

Giuseppe Mannina Responsabile area osteoarticolare-reumatologia 

Giusy Mazzeo Responsabile area Ginecologica-Ostetrica

Vito Milazzo Responsabile area Cardiovascolare

Francesco Campo Resonsabile area Bronco-Pneumologica

Orazio Mistretta Responsabile dell'area Gastroenterologica

Giuseppe Vesco cooptato ( Coordinamento organizzativo generale )

 

 

 

 

 

 

 

Progetto UROMED : PDTA condiviso Urologia Distretto di Alcamo

 

 

Si è creato oggi , nel distretto di Alcamo , il TEAM multispecialistico a supporto operativo e culturale-scientifico al Progetto UROMED per la gestione condivisa del malato con patologia urologica.

La SIMG della Provincia di Trapani , promotrice e coordinatrice della iniziativa , ha ottenuto la convinta partecipazione degli specialisti urologi del distretto e della struttura ospedaliera, assieme al Direttore del Distretto di Alcamo - Castellammare del Golfo- Calatafimi-Segesta, ed è stato costituito il TEAM multidisciplinare :

 

Dott. Francesco Campo : Medico di Medicina Generale di Alcamo 

Dott. Antonio Lombardo : Specialista Urologo Dirigente di 1° Livello Ospedale P. Borsellino di Marsala ( TP )

Dott. Vito Milazzo : Medico di Medicina Generale di Alcamo

Dott. Giuseppe Coraci : Specialista Urologo Dirigente di 1° Livello Ospedale Giglio di Cefalu' ( Palermo )

Dott. Marcello Curti Giardina : Specialista Urologo del Distretto di Alcamo

 

 

 

Prima tappa del progetto ECOGRAFIA in Medicina Generale

Prima tappa del progetto ECOGRAFIA in Medicina Generale - SIMG Trapani

  Si è svolto oggi 6 Luglio 2018 la prima tappa del progetto " Ecografia in Medicina Generale ". Coordinato dalla nostra collega Rosalia Vesco, responsabile  della area Endocrinologica - Metabolica della SIMG di Trapani, coadiuvata dal socio SIMG Gaetano Blunda Specialista endocrinologo, ha visto la partecipazione interessata di 10 colleghi  ( prevalentemente giovani medici ) che hanno accolto con grande entusiasmo l'iniziativa che coinvolto nella pratica di tutti e dieci i presenti che hanno acquisito la abilità all'utilizzo della metodica di imaging per la valutazione della patologia tiroidea nello studio del medico di medicina generale.

Esperienza nettamente positiva di questa iniziativa sperimentale  che indica, alla nostra sezione, di proseguire su questa strada della formazione per l'utilizzo dello strumento professionale da parte del MMG.

 

 

Linee Guida

DECALOGO SULL’UTILIZZO DEI 5ARI NELLA PRATICA CLINICA: NUOVE INDICAZIONI

  Si è recentemente riunita a Milano una commissione di esperti rappresentanti delle società scientifiche urologiche italiane (AURO e SIU) e della medicina...