Progetto " Respiriamo "

Progetto " Respiriamo " - SIMG Trapani

S è concluso oggi 8 dicembre 2019 il corso teorico-pratico sulla gestione della BPCO in Medicina Generale che ha visto la partecipazione attiva di 35 medici di Medicina Generale e di continuità assistenziale che hanno apprezzato notevolmente la metodologia adottata nella conduzione del corso , prevalentemente della sezione pratica ( 2° modulo ) , che ha permesso ai partecipanti di acquisire le conoscenze e le abilità pratice per praticare correttamente una spirometria basale e di interpretare correttamente i valori rilevati. La attuazione pratica real life ha inotre impreziosito e reso interessante la sezione pratica.

 VEDI PAGINA COVID 19 PER NEWS SULLA INFEZIONE VIRALE e sulle nuove LINEE GUIDA ( 14 marzo 2020 )

Eventi formativi accreditati ECM Febbraio - Ottobre 2020 SIMG Trapani

Eventi formativi accreditati ECM Febbraio - Ottobre 2020 SIMG Trapani - SIMG Trapani

Attenzione causa emergenza COVID-!9  Tutti gli eventi di seguito elencati sono sospesi a tempo indeterminato 

 

  1.     Sabato 08-02-2020 : ASMA BRONCHIALE OGGI: COSA C’E’ DI NUOVO? Valderice (TP) Aula didattica del Centro Dialisi Mucaria                              Viale Europa  23 Valderice (TP)

                 evento accreditato ECM 8 crediti formativi 

 

        2.      Sabato 14 Marzo 2020 : Implicazioni cliniche nella patologia del Microbiota   

                 Centro Dialisi Mucaria Corso generale Madici Alcamo

                 Evento accreditato ECM 5 crediti formativi 

 

        3.     Sabato 21 Marzo 2020 : le MA.RI.CA ( Malattie reumatiche infiammatorie croniche autoimmunitarie ) nel setting della Medicina                              Generale

             Centro Dialisi Mucaria Corso generale Medici Alcamo

              Evento accreditato ECM 5 crediti formativi 

        4. Sabato 18 Aprile 2020 : Management integrato e multidimensionale del paziente Osteoartrosico in Medicina Generale

            Centro Medico Villa Sarina via Porta Palermo Alcamo 

           Evento accreditato ECM 5,3 crediti formativi 

 

        5. Venerdi e Sabato 15-16 Maggio 2020 : Le Giornate Cardiologiche del Golfo Hotel Cerri Castellammare del Golfo

           

        

       6. Sabato 09 Maggio 2020 : La patologia gastro-intestinale nel setting delle cure primarie : approccio " Problem Solving " in Medicina                        Generale ( temporaneamente Sospeso questo evento ).

          Centro Dialisi Mucaria Corso generale Medici Alcamo

 

      7. Sabato 06 Giugno 2020 : La patologia bronco-Ostruttiva : le nuove Linee Guida GOLD/GINA

         Centro Dialisi Mucaria Corso generale Medici Alcamo

 

      8. Sabato 20 Giugno 2020 : La Patologia Otologica in Medicina Generale : Approccio clinico-strumentale 

          Aderenza terapeutica ed evidenza della Bioequivalenza terapeutica

          Centro Dialisi Mucaria Corso generale Medici Alcamo

  

      9. Sabato 26 Settembre 2020 : Il Malato iperteso e la disfunzione erettite 

          Centro Dialisi Mucaria Corso generale Medici Alcamo

 

    10. Venerdi e Sabato 08-09 Ottobre 2020 : Dalla clinica alla Elettrocardiografia pratica

          Centro Dialisi Mucaria Corso generale Medici Alcamo

 

    11. Approccio pratico al paziente con Insufficienza venosa cronica e/o con patologia trombotica degli arti inferiori

         ( data da definire )

 

Gli eventi sono accreditati per tutte le professioni ( MMG , continuità assistenziale, dirigenti distrettuali, ospedalieri , Farmacisti ed Infermieri).

La partecipazione è libera e non implica alcun onere economico.

 

 

 

       

 

 

 

 

 

 

 

 

 

valderice 2 valderice 2 [61 Kb]

Consiglio Direttivo della simg di Trapani

  Il consiglio direttivo nella Provincia di Trapani in atto in carica

 Vito Milazzo Presidente

Orazio Mistretta Vice Presidente

Francesco Campo Segretario Amministrativo

Giuseppa Mazzeo Segretario Organizzativo

 

Giuseppe Mannina Responsabile area osteoarticolare-reumatologia 

Giusy Mazzeo Responsabile area Ginecologica-Ostetrica

Vito Milazzo Responsabile area Cardiovascolare

Francesco Campo Resonsabile area Bronco-Pneumologica

Orazio Mistretta Responsabile dell'area Gastroenterologica

Giuseppe Vesco cooptato ( Coordinamento organizzativo generale )

 

 

 

 

 

 

 

La Fase 2 si vince con una forte medicina generale

La Fase 2 si vince con una forte medicina generale

 

16 APR - Gentile Direttore,
ogni giorno appaiono proposte su come affrontare il dopo covid 19 e tutte mettono in risalto il ruolo della medicina generale e l'importanza dell'assistenza territoriale per evitare l'affollamento delle terapie intensive e un ulteriore lockdown a causa di un inopinato riaccendersi di focolai epidemici. In questa prospettiva quali sono i problemi della medicina generale e quali le possibili soluzioni?
 
Il primo e fondamentale problema è la garanzia delle protezioni. Si pone una questione etica: la professione di medico implica il rischio di contrarre malattie e di affrontare situazioni pericolose oltre che sgradevoli. Ma questa dedizione, anzi obbligo deontologico di prestare la propria opera in caso di qualsivoglia calamità, quale limite trova nelle carenze dell'amministrazione che è responsabile della salute dei medici come di qualsiasi altro lavoratore?
 
La differenza tra un professionista e Santa Teresa di Calcutta consiste anche nel fatto che il medico malato può far ammalare altre perone. E' evidente il divario tra il rischio inserito nel patto sociale, il medico non si assenta durante un'epidemia, e il contratto di lavoro e i compiti assegnati che richiedono invece assenza di contagiosità.

Tutto ciò si lega a un'altra questione deontologica: la medicina virtuale. La pandemia ha segnato la definitiva affermazione degli strumenti informatici e la visita virtuale è stata officiata in tutti gli atti di governo, dimenticando che fino a un giorno prima ci si stracciava le vesti sul medico moderno che non visita i pazienti. Indubbiamente il Governo ha dato l'impressione che i medici generali dovessero chiudersi nei loro ambulatori e "visitare" per telefono. I teleconsulti sono sempre esistiti ma è professionalmente indispensabile che il medico veda, ascolti, tocchi e annusi il paziente. Non è un problema da poco.
 
Nello stesso tempo il medico può profittare di questa occasione per ritrovare il tempo per la relazione. La questione è deontologica e si fonda sulla completa dematerializzazione della burocrazia, sul telemonitoraggio e sulla eventuale visita virtuale, sulla gestione informatizzata dei dati. Un tema scivoloso sul piano etico ma inevitabile.
 
La deontologia moderna non deve stigmatizzare tutto ciò che è virtuale ma cogliere questa inaspettata necessità per porre l'informatica al servizio del tempo di cura. E' un'altra occasione che la pandemia ci fornisce: inserire a pieno titolo i vantaggi indubitabili dell'informatica nella medicina generale che rappresenta il settore più delicato ed esposto alle critiche nel rapporto con i pazienti.
 
Un'altra questione deontologica riguarda la responsabilità della cura. Se dovremo abituarci a inviare squadre attrezzate a domicilio del paziente covid o sospetto tale e queste potrebbero non ricomprendere il curante che anzi le avrebbe semplicemente attivate, appare si chiaro che la responsabilità dei singoli atti medici spetta a chi li agisce, cioè ai componenti delle USCA, ma quanto ciò interferisce col rapporto di fiducia?
 
Il problema della responsabilità investe anche la potestà certificativa del curante che ha subito una diminutio nella sequenza degli attestati richiesti in corso di pandemia: perché il medico di famiglia non può decidere e certificare la quarantena?
 
La fase 2 si vince con una forte medicina generale, tutti lo confermano. La questione più rilevante è riprendere in carico le cronicità onde non uscire dalla pandemia con un abbassamento dello stato di salute della popolazione. Occorre senza indugio mettersi al lavoro perché i problemi, lo abbiamo detto, sono tanti e difficili. In una sintesi conclusiva ne elenco quattro: la scelta delle protezioni idonee caso per caso; la localizzazione dei cluster epidemici; l'organizzazione in gruppo dei medici e dei team territoriali (le AFT) comprendendovi le USCA quale funzione della medicina generale; infine la delimitazione dell'uso della telemedicina nel territorio.
Proposte urgenti di cui deve esser tenuto presente il forte risvolto deontologico.
 
Antonio Panti   

Prima tappa del progetto ECOGRAFIA in Medicina Generale

Prima tappa del progetto ECOGRAFIA in Medicina Generale - SIMG Trapani

  Si è svolto oggi 6 Luglio 2018 la prima tappa del progetto " Ecografia in Medicina Generale ". Coordinato dalla nostra collega Rosalia Vesco, responsabile  della area Endocrinologica - Metabolica della SIMG di Trapani, coadiuvata dal socio SIMG Gaetano Blunda Specialista endocrinologo, ha visto la partecipazione interessata di 10 colleghi  ( prevalentemente giovani medici ) che hanno accolto con grande entusiasmo l'iniziativa che coinvolto nella pratica di tutti e dieci i presenti che hanno acquisito la abilità all'utilizzo della metodica di imaging per la valutazione della patologia tiroidea nello studio del medico di medicina generale.

Esperienza nettamente positiva di questa iniziativa sperimentale  che indica, alla nostra sezione, di proseguire su questa strada della formazione per l'utilizzo dello strumento professionale da parte del MMG.

 

 

Linee Guida

DECALOGO SULL’UTILIZZO DEI 5ARI NELLA PRATICA CLINICA: NUOVE INDICAZIONI

  Si è recentemente riunita a Milano una commissione di esperti rappresentanti delle società scientifiche urologiche italiane (AURO e SIU) e della medicina...